Cosa possiamo imparare dai Paesi più felici del mondo su come superare crisi e pandemie?

Il 20 marzo è stata pubblicata l’ottava edizione del Report Globale sulla Felicità (World Happiness Report – WHR), iniziativa delle Nazioni Unite finalizzata a delineare lo stato della felicità nel mondo e fornire indicazioni ai governi per orientarne le scelte.

Eravamo abituati ogni anno a leggere sulla stampa il tam tam delle notizie su come si posizionava l’Italia nella classifica dei Paesi più felici del Mondo. Quest’anno invece nulla, nessuna copertura mediatica: a chi importa, in tempi di coronavirus, sapere che l’Italia ha migliorato la sua posizione passando al 30° posto (dal 36° del 2019 e 47° del 2018) o che la Finlandia, e in generale i Paesi nordici, continuano stabilmente a mantenere le prime posizioni?

Certamente non è facile in questo periodo parlare di felicità. L’Italia, come quasi tutto il mondo, è nella fase più delicata di un’emergenza sanitaria che sta generando ovunque preoccupazione, paura, ansia e dolore.

Eppure mai come ora è invece importante alzare il volume sulla felicità e su un documento come questo, perché è proprio attraverso le indicazioni contenute in esso e un sempre maggior focus sulla felicità che possiamo affrontare con successo le sfide di tempi difficili come questo.

Quali sono gli insegnamenti che possiamo ricavare dalla lettura di questo report e dall’esperienza dei Paesi più felici al mondo?

E’ lo stesso Jan-Emmanuel De Neve, uno tra i firmatari del WHR, a segnalare tra i diversi articoli usciti sulla stampa internazionale questo di HuffingtonPost, di cui vi proponiamo di seguito la traduzione di un estratto, come una tra le migliori sintesi dell’edizione 2020.

Puoi leggere tutto l’articolo originale qui: What The World’s Happiest Country Can Teach Us About Surviving The Coronavirus Crisis

Perseverare durante una pandemia richiede fiducia e supporto reciproco.

Gli autori del rapporto indicano lezioni fondamentali che i paesi con alti livelli di benessere possono insegnarci su come sopravvivere alla crisi del coronavirus.

Per il terzo anno consecutivo, la Finlandia è stata nominata il paese più felice del mondo. Altri paesi nordici dominano, con Danimarca, Islanda, Norvegia e Svezia in testa alla classifica.

Il segreto del loro successo?

“Sono tutte società con fiducia molto elevata”, ha dichiarato a HuffPost John Helliwell, professore emerito di economia all’Università della Columbia Britannica e uno degli autori del rapporto. “Ogni individuo che sente quel senso di appartenenza ed elevata fiducia, che è più comune nei paesi nordici che altrove, è molto più protetto contro molti tipi di avversità”, ha detto.

“Il World Happiness Report ha dimostrato di essere uno strumento indispensabile per i politici che vogliono capire meglio cosa rende felici le persone e quindi promuovere il benessere della propria cittadinanza”, ha dichiarato l’economista e co-autore Jeffrey Sachs in una dichiarazione sul rapporto. “Di volta in volta vediamo le cause del benessere tra cui buone reti di supporto sociale, fiducia sociale, governi onesti, ambienti sicuri e vite sane”.

Quest’anno l’attenzione del report è focalizzata sulla “felicità nel nostro ambiente”, incluso l’ambiente sociale, ovvero le nostre comunità e i nostri legami con amici e famiglie. Questo è particolarmente rilevante per noi ora, di fronte a COVID-19, ha affermato Helliwell.

“Questa pandemia è una crisi del genere a cui è stato recentemente assistito in forme più piccole e sappiamo abbastanza su ciò che rende le risposte più resilienti“.

Ha sottolineato gli studi condotti sulla scia del disastro nucleare di Fukushima del 2011 in Giappone e di altre catastrofi naturali, che dimostrano che le comunità forti hanno una risposta migliore e più coordinata ed emergono dalla crisi più resilienti.

I paesi nordici, d’altro canto, sono famosi per le loro società forti.

“C’è più fiducia e capitale sociale, più beneficenza, più volontariato e più donazioni, più comportamenti pro-sociali in questo tipo di società che vanno bene”, ha dichiarato Jan-Emmanuel De Neve, professore di economia all’Università di Oxford e un altro rapporto autore.

Le società che sono piene di divisioni, polarizzazioni e sfiducia, d’altra parte, vanno male di fronte a enormi sconvolgimenti. Mentre gli Stati Uniti hanno visto recentemente esempi commoventi di azione comunitaria e solidarietà, ci sono anche alti livelli di sfiducia, accumulo di cibo e paura. E questo influisce sul modo in cui trattiamo il coronavirus.

De Neve ritiene che la crisi del coronavirus si manifesterà su tre piani. Prima di tutto, quello della salute (gestire gli impatti sulla salute e tentare di “appiattire la curva” o rallentare la nascita di nuovi casi in modo da non sopraffare il sistema sanitario); il secondo coinvolgerà l’economia (con la perdita di posti di lavoro e il reddito ridotto). Il terzo piano, ha detto, è il benessere, il modo in cui manteniamo intatta la nostra salute mentale quando siamo isolati.

“Ciò che troverai in questa terza fase sarà l’importanza e la forza delle comunità”, ha detto De Neve. “Hai amici su cui contare? Hai famiglia in primo luogo? Vivi in ​​una comunità che si rivolge a un’altra e si aiuta a vicenda? “

Tutta la scienza del benessere, ha detto, ha confermato che le persone nelle comunità più forti hanno maggiori probabilità di riprendersi più velocemente quando sono malate.

D’altra parte, ha affermato Helliwell, “alcune società sono così concentrate sulle loro differenze e la loro rabbia reciproca, che finiscono per incolpare altre persone per il disastro naturale e non cooperare e trovare i modi migliori per affrontarlo.”

Un punto sollevato dagli autori del rapporto è il ruolo che i social media svolgeranno nel sostenere queste connessioni sociali in un momento di distanziamento sociale.

Ciò può sembrare controintuitivo, dato il ruolo ben documentato dei social media nel seminare divisione e diffidenza. L’anno scorso, il rapporto aveva evidenziato che i social media stavano avendo un impatto negativo sulla felicità, specialmente per i giovani e le donne. Le ragazze che trascorrevano cinque o più ore al giorno sui social media, ad esempio, avevano tre volte più probabilità di essere depresse rispetto ai non utenti.

Ma durante un isolamento forzato, i social media potrebbero, ha affermato De Neve, “essere una forza per il bene … consentire e fornire essenzialmente un vaccino contro la solitudine”.

Ciò su cui tutti gli autori del rapporto hanno concordato è la necessità di promuovere un profondo senso di fiducia nella società, ma ciò si manifesta mentre la crisi della salute pubblica continua a manifestarsi.

“Ciò che il rapporto ci sta essenzialmente dicendo”, ha affermato Helliwell, “è che questo bisogno umano e la capacità di guardarsi l’un l’altro, fidarsi l’uno dell’altro e prendersi cura l’uno dell’altro, sono unicamente importanti.”

https://worldhappiness.report