Il Manifesto del Chief Happiness Officer

1. Il CHO è un Leader Positivo

Il CHO sa che la miglior guida sono l’esempio e la coerenza. Coltiva dunque la pienezza del proprio Sè e la abita anche nel contesto organizzativo, adottando comportamenti congruenti al proprio scopo e ai propri valori, comunicando in maniera autentica e positiva, mettendosi al servizio degli altri in aderenza al principio della felicità di tutti.

2. Il CHO è un “complexity thinker”

Il CHO è capace di applicare i principi che derivano dalla ricerca scientifica (nello specifico quelli sul funzionamento psico-neuro-biologico degli esseri umani) in sistemi complessi (le organizzazioni) e dispone di una ricca cassetta degli attrezzi – fatta di pratiche e strumenti validati dalla ricerca sul campo – che permettono di sperimentare e avviare concretamente il processo di trasformazione positiva.

3. Il CHO fa della felicità una strategia organizzativa coerente

Il CHO sa che la felicità è una competenza che si può allenare, che esistono strumenti, pratiche e processi che si possono inserire in un piano strategico coerente, in modo da realizzare vantaggi sostenibili e durevoli sia per il benessere delle persone che per i risultati di business.

4. Il CHO ha una visione sistemica ed integrata delle Organizzazioni

Il CHO sa che le organizzazioni non sono macchine composte di parti separate, ma organismi viventi, e che le persone non sono ingranaggi da manipolare, controllare, contare, spostare senza che ci siano e!etti su altre dimensioni.

5. Il CHO si assume la responsabilità di realizzare un futuro sostenibile

Il CHO sa leggere i principali trend economico, sociali, ambientali, culturali, politici, tecnologici e i modi in cui le situazioni possono evolversi; prova ad anticipare ed esplicitare i futuri possibili in modo da prepararsi ad essi attraverso scelte e decisioni consapevoli piuttosto che reattive.

6. Il CHO s’impegna a facilitare il cambiamento culturale dell’organizzazione

Il CHO sa che le organizzazioni sono il risultato di modelli mentali, credenze e convinzioni di chi le gestisce e le vive, che questi vanno sempre considerati in una prospettiva storica, culturale e di sviluppo. Sapendo leggere e intercettare tali modelli, è in grado di scegliere se e come cambiarli.

7. Il CHO promuove una cultura organizzativa di tipo eco-sistemico

Il CHO crede nell’abbondanza e sa che un proposito organizzativo forte, ancorato a finalità collettive e valori universali che hanno al centro il bene comune è capace di generare un forte impatto sociale ed ecologico, per la costruzione di un futuro positivo per tutti.

8. Il CHO s’impegna ad accelerare, predisporre ed alimentare sistemi resilienti

Il CHO sa individuare le fragilità di un sistema e cerca di superarle comprendendo la natura interdipendente dei problemi e studiandone le reciproche interconnessioni, in modo da individuare pattern funzionali e disfunzionali.

9. Il CHO s’impegna a facilitare la diffusione di una leadership positiva

Il CHO sa che non esistono organizzazioni positive senza leader positivi e, dunque, aiuta i leader della propria organizzazione a definire un chiaro proposito ancorato a valori forti; promuove una leadership del servizio e diffusa a tutti i livelli (non solo manager, non solo capi); stimola a coltivare una propria routine del benessere e della felicità per dare l’esempio ed essere congruente nei comportamenti quotidiani; intercetta i “bad managers” e smette di promuoverli.

10. Il CHO si assume la responsabilità di costruire Organizzazioni Positive

Vede le organizzazioni come organismi viventi, complessi e adattivi che si modificano costantemente attraverso le interazioni interne ed esterne, e vede le persone nella loro “pienezza”, con bisogni, talenti, capacità, valori, anche esse in costante mutamento. 

Ecco perchè il CHO ha una visione sistemica ed integrata delle Organizzazioni. Sa che le organizzazioni non sono macchine composte di parti separate e che le persone non sono ingranaggi da manipolare, controllare, contare, spostare senza che ci siano effetti su altre dimensioni.